Storia

Conoscete il termine Küper?

Il Küper era colui che verificare la presenta di danni sulle merci in arrivo, oltre alla loro qualità e alle loro condizioni, procedendo poi alla pesatura e al campionamento. Erano specialisti in determinate merci pregiate e rivestivano una grande responsabilità nei confronti dei loro committenti perché le merci venivano campionate e immagazzinate in modalità fiduciaria. Ad Amburgo, questa squadra di movimentazione del cargo marittimo era definita Quartiersleute perché sempre composta da 4 soggetti. Oggi questa definizione non è più in uso e anche di queste funzioni e mansioni è rimasto ben poco. Quei mestieri sono stati ora inglobati nelle mansioni del personale di controllo delle merci marittime e degli esperti nel settore della logistica portuale e di magazzino.

Anni ‘30

Nel 1932 Berthold Vollers si mise in proprio come capo Küper e magazziniere nella città anseatica di Brema. Grazie alla sua attività di spedizioniere acquisì vaste conoscenze sul caffè e sulle pratiche portuali, doganali e di movimentazione dei carichi. Il primo magazzino si trovava presso la Packhaus Am Deich 57/58. Il suo precedente datore di lavoro, Roselius & Co (Caffè HAG) fu da subito il primo committente di Berthold Vollers, che poté così restare al suo servizio.

Anni ‘40

Durante la seconda guerra mondiale, quasi tutte le importazioni di caffè furono interrotte e le società di torrefazione ebbero ben poco lavoro. Berthold Vollers venne arruolato in marina durante la guerra e quando tornò la sua bottega era rimasta vittima della guerra. Rimase con un nulla di fatto in mano. Quando però alla fine degli anni ‘40 ripresero le importazioni di caffè, Berthold Vollers ridiede vita alla sua attività, prendendo in locazione una superficie di 325 m2 presso il nuovo edificio Speicher I.

Anni ‘50

Nel 1952 assunse il primo dipendente commerciale. Ben presto cominciò ad occuparsi anche dello stoccaggio di conserve, oltre al caffè.

Anni ‘60

Nel 1962 Lüder Vollers entrò nell’azienda di suo padre, che a quel punto contava già 5 dipendenti. L’acquisto del primo camion aziendale nel 1965 fu l’inizio della creazione di un proprio parco macchine. Con l’acquisizione della vicina azienda Friedrich A. Jantzen, l’ambita superficie di magazzino entrò a far parte dell’azienda nel 1967, consentendo una notevole crescita.

Anni ‘70

Nel 1972 iniziò la costruzione del padiglione 8 presso l’edificio Speicher III. Il magazzino al porto fu ampliato fino a raggiungere un’area di 8.400 m2 e il numero di dipendenti Vollers giunse a 50. Quando nel 1978 Lüder Vollers divenne titolare unico dell’azienda, portò con sé ulteriori acquisizioni aziendali. Gestì così l’azienda Hermann Schwarze GmbH acquisita insieme ad un’altra superficie di magazzino, operando principalmente nel settore dell’organizzazione e dello stoccaggio di lana e cotone di importazione.

Con l’impiego crescente di container e i progressi nel settore del trasporto marittimo di linea, anche i processi per la movimentazione del caffè subirono dei mutamenti. Per poter rispondere alle nuove esigenze, nel 1979 fu messo in funzione il padiglione 9 presso l’edificio III con un proprio impianto di palettizzazione.

Anni ‘80

Vollers amplia il suo raggio d’azione: nel 1980 venne aperta la filiale di Amburgo, in cui inizialmente un solo dipendente si occupava della gestione del caffè. Il 1982 fu l’occasione per festeggiare il 50o anniversario dell’azienda Vollers, che a quel punto contava 125 dipendenti, di cui 10 apprendisti, una superficie di magazzino totale pari a 28.000 m2 e 19 camion e un buon 90% dei servizi offerti concerneva la movimentazione e lo stoccaggio del caffè verde. Altri beni commerciali erano la lana, il cotone e il cosiddetto general cargo, come prodotti di importazione proveniente dall’Asia orientale e altri articoli di mercato.

Nel corso degli anni cambiò anche la denominazione aziendale: se Berthold Vollers definiva la sua azienda ancora bottega e magazzino, questa divenne in seguito una società di spedizione e, quando l’espansione divenne di portata internazionale, anche l’ambito di attività trovò particolare rilevanza nella definizione di società di spedizione internazionale. Successivamente sopraggiunse un’ulteriore modifica linguistica: in seguito all’aumento della clientela internazionale, fu introdotto il termine commodity, che in inglese designa merci e materie prime. La denominazione aziendale ufficiale cambiò perciò in: Vollers Port & Commodity Logistics.

Con l’acquisizione di altri concorrenti, Vollers poté ampliare la sua presenza sul mercato e garantire ulteriori aree di magazzino e competenze specifiche. Nel 1983 fu acquisita l’azienda D.A. Homann di Amburgo, che gestiva un’ampia gamma di beni e commodity presso il porto della città. L’acquisizione dell’azienda tradizionale Uhlmann Spedition nel 1984 a Brema ampliò ancora una volta le capacità aziendali.

Il 1987 fu un anno di grande rilevanza per il commercio di cacao di Vollers a Brema. Brema fu inoltre riconosciuta come sede di fornitura per la borsa merci di Londra LIFFE (oggi ICE Futures Europe). Tutto questo era stato possibile grazie a anni di lavoro e ad una profonda conoscenza dei prodotti.

Anni ‘90

All’inizio degli anni ‘90 Vollers acquisì altre aziende nell’area di Brema e di Amburgo. La più grande e decisiva avvenne nel 1993, quando la Vollers acquistò la Kaffee-Lagerei Bremen. Dato che il caffè ora veniva sempre più trasportato alla rinfusa e non in sacchi, occorreva un impianto silos. La Kaffee-Lagerei disponeva all’epoca di una struttura di quel tipo, che portò notevoli vantaggi a Vollers per i futuri affari legati al caffè.

Vollers continuò nel frattempo la sua espansione anche nell’Europa occidentale e orientale. Nel 1993 fu fondata la SIA Vollers Riga in Lettonia, nel 1995 fu aperta la filiale Vollers Belgio sul porto di Anversa e nel 1997 la sede di Rotterdam nei Paesi Bassi. Per consentire una struttura aziendale più chiara per gli anni seguenti, verso la metà degli anni ‘90 gran parte delle ditte individuali acquisite furono inglobate nella Berthold Vollers GmbH.

Anni 2000

Christian Vollers fece nel 2001 il suo ingresso nell’azienda del padre e nel 2006 ne divenne amministratore delegato. Anche nel nuovo millennio Vollers ha continuato costantemente a crescere. Nel 2003 fu aperta la sede di Amsterdam nei Paesi Bassi, nel 2004 quella di Tallinn in Estonia, nel 2005 quella di Trieste in Italia e nel 2007 quella di Mosca in Russia. Nel 2009 ebbe luogo una riorganizzazione aziendale, che vide tutte le aziende inglobate nella Vollers Group GmbH.

Anni 2010

Nel 2013 Christian Vollers divenne titolare unico del gruppo Vollers. Nel 2014 fu aperta la sede di Genova in Italia. Un punto di grande eccellenza per Vollers fu la costruzione e l’inaugurazione del magazzino moderno per il cacao alla rinfusa, Oosterweel 1000 ad Anversa nel 2014. Il vantaggio che ne derivò fu l’automatizzazione dei processi di immagazzinamento e smaltimento delle scorte, pesaturae campionamento.

Attualmente il gruppo Vollers presenta 11 sedi in Europa occidentale, centrale e orientale e una superficie di magazzino totale di oltre mezzo milione di metri quadri, dove impiega ben 320 dipendenti.

Nel frattempo il consiglio d’amministrazione del gruppo Vollers era costituito da 4 direttori: Lüder e Christian Vollers, Matijs Brand e Dirk Hochmann.